Ettore Beraldini

Elsa che legge

matita su cartoncino
27 x 37 cm
1939

 

     Il dipinto riporta la dedica dell'artista alla nipote Elsa. Si tratta del disegno da cui poi Beraldini eseguirà l'acquaforte speculare

 

Non disponibile

Ettore-Beraldini-Elsa-1939-per-sito

Elsa

olio su tavola
30 x 25 cm
1939

 

Non disponibile

Natura morta con funghi 

olio su cartone
36 x 51 cm
1935

 

Opera esposta alla Mostra Commemorativa di Ettore Beraldini presso il Museo di Castelvecchio, Verona 1969

 

Non disponibile

Natura-morta-con-funghi-1935-sito
Beraldini_1947_la-madre_276x483

La madre

olio su tavola
 29 x 50 cm
1947

 

Non disponibile

Case sul Garda

olio su tavola
 77 x 73 cm
 1935



E-Beraldini_case-sul-grada_1935_olio-su-tavola_73x77

Ettore Beraldini è tra i più interessanti giovani artisti attivi a Verona del primo Novecento. Il suo debutto alle grandi esposizioni d’arte avviene nel 1912, quando espone alla Biennale di Venezia, punto di partenza nel suo percorso artistico.

Il tema della vecchiaia  torna con frequenza nell’opera di Beraldini, soprattutto in alcuni dipinti esposti nelle precedenti edizioni della Biennale come La madre del pazzo del 1923 e Tempesta del 1926. 

Le curiose scelte iconografiche, unitamente alla resa pittorica salda e all’attenzione rivolta al disegno, suggeriscono una profonda conoscenza da parte di Beraldini dell’arte tedesca. Più in generale, della produzione secessionista del primo Novecento tra Monaco, Vienna e Berlino, con particolare attenzione alle atmosfere tipiche della pittura di Ferdinand Hodler.

Fa parte del gruppo di Casorati, Trentini e Zancolli e espone i suoi dipinti in diverse edizioni della Biennale di Venezia.

Nel 1921 si classifica al 1° posto alla Quadriennale di Torino con l’opera I filosofi e vince il Premio Fumagalli a Brera con Le pazze e partecipa alla prima mostra della Biennale di Napoli con il dipinto Giorno di Visita.

Nel 1931, i suoi dipinti sono esposti a Parigi all’Esposizione della Gravità e della Medaglia Italiana Contemporanea. Nel 1934 viene premiato dall’Accademia d’Italia per le 12 incisioni I bronzi di San Zeno.

Muore a Verona nel 1965.

Faraci Arte

P IVA 04398980237
C Dest - Usal8pv

Tel. +39 347 129 8287

Via Garibaldi, 6 cap. 37121 Verona.

Legalmail - faraci.cateno@legalmail.it

© 2020, Faraci Arte